Diario di Fine Lavorazione – Intrappolati nella Commedia

Se dovessi descrivere la “passione” vi parlerei di un gruppo di giovani amici che un giorno  decidono di metter su uno spettacolo sopra le righe, complicato nei ritmi recitativi e nell’assemblaggio del tutto.
Vi direi che le basi e lo studio sono essenziali per raggiungere risultati accettabili, ma che senza il fuoco che arde dentro, con tutto quello studio ve ne ricaverete sempre e comunque poco.
Vi parlerei di giornate interminabili, dove tutto girava nel verso sbagliato.
E vi direi che solo con la perseveranza si riescono a portare avanti progetti e soddisfazioni.

Oggi inauguro questa rubrica iniziando dalla fine perché credo sia doveroso stendere alcune parole su questo progetto.

La scorsa domenica si è concluso il percorso della compagnia “Curls of Plywood – Riccioli di Compensato” con la loro prima rappresentazione “Intrappolati nella Commedia” portata in scena i primi di settembre ad Ostia e il week end appena trascorso in un teatro al centro di Roma riscuotendo, in entrambi i casi, critiche positive nella maggior parte del pubblico presente in sala.

Come collaboratrice subentrata a metà della lavorazione non posso narrarvi come l’idea sia realmente nata e si sia sviluppata nel corso dei mesi, ma posso parlarvi della mia personale esperienza.

575228_510349719060045_1561088008_n

In breve, molto breve

La nascita di una compagnia è sempre un avvenimento positivo, sopratutto di questi tempi, dove la cultura viene messa in secondo piano ed il teatro in particolare viene accantonato.
Quindi sono rimasta entusiasta nel ricevere la notizia della formazione di “Riccioli di Compensato” (Curls of Plywood), una compagnia di ragazzi romani che vede come organizzatori Maurizio Mostacci, Silvia Capo ed Andrea Palmieri. (Quest’ultimo dopo aver dato un grande aiuto ha deciso, per cause maggiori, di abbandonare il progetto e lasciare il timone nelle mani di Maurizio e Silvia).
Ancora più felice mi ha reso la richiesta di collaborazione cui ho dedicato anima e corpo.

Come scritto poco sopra, il mio aiuto è subentrato a pochi mesi dopo l’inizio del montaggio dello spettacolo “Intrappolati nella Commedia“, quindi poco posso dirvi riguardo la ricerca del cast attoriale e tecnico, ma ammetto d’essere stata molto preoccupata a riguardo.
In una compagnia, infatti, oltre al dover avere un buon regista e un buon testo alle spalle è essenziale avere ottimi attori ed ottimi tecnici ed in questo caso tutte le mie paure sono state sconfitte.

Il cast si è formato in poco tempo ed il gruppo, composto da ragazzi quasi tutti coetanei e con strade lavorative differenti, si è ben assorbito e in breve tempo ha iniziato a lavorare acquisendo un equilibrio da far invidia alle compagnie professionali. Ogni attore ha lavorato su se stesso e sul proprio personaggio impegnandosi al massimo delle proprie possibilità, il gruppo ha ascoltato e seguito ed eseguito le direzioni di Maurizio e Silvia, che si sono messi in gioco cimentandosi in una regia a due mani, ottenendo ottimi risultati.

La loro doppia guida che ha compensato le mancanze dell’altro e l’ambiente sereno (o quasi!) che si è andato a formare, ha portato alla condivisione di idee che sono andate ad arricchire le scene in fase di montaggio.
La cooperazione della compagnia al completo ha portato alla costruzione di uno spettacolo coerente, equilibrato, funzionale e divertente ed alla nascita di un gruppo pronto a crescere, sorreggersi e condividere non solo l’amore per il teatro, bensì viversi per il piacere di stare insieme.

La durata complessiva della lavorazione è durata circa sei mesi, un tempo relativamente lungo rispetto agli standard di altre compagnie, ma credo che queste giornate hanno permesso di ingranare nel modo giusto, sperimentare scelte alternative di montaggio e recitazione e ovviamente di conoscersi al meglio.

Arrivati al risultato finale nulla ho da dire riguardo le giornate di spettacolo nei teatri romani.
Clima sereno, alimentato da un’ansia positiva, collaborazione ed aiuto, professionalità nell’affrontare il proprio personaggio, il pubblico, i vari problemi che nascono durante e rappresentazioni e curiosità nel ricevere le critiche.

In conclusione

Come ex insegnante di teatro di Maurizio, come aspirante regista e come amante di quest’arte posso dire d’essere rimasta colpita, sorpresa ed entusiasta del comportamento che lui come regista e come persona ha usato durante questa lavorazione.
Reputo così delicata ed essenziale la scelta del cast che mi spaventava vederne gli esiti, eppure questo gruppo di ragazzi, quali alcuni mai hanno fatto teatro, si sono rivelati superbi.

Auguro a questa compagnia di costruire altri sogni e portarli a termine,
per loro e per tutti coloro che li hanno sostenuti,
ma sopratutto per chi non è stato presente e poco ha creduto nelle loro splendide capacità.

Grazie

1236038_647337295290952_2012755362_n

Contatti

Pagina Ufficiale “Riccioli di Compensato – Curls of Plywood”)

Canale YouTube

Su questo blog

“Intrappolati nella Commedia”

Annunci

Sussurri...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...